sabato 2 novembre 2013

MANCANZA


Le mancanze, nella vita, di solito risultano + dolorose quando derivano da nostre perdite... queste possono venire da noi stessi, così come dal nostro intorno, ma ci lasciano sempre & comunque sconcertati, infelici, insoddisfatti ! 
Io ultimamente devo lamentare 1 periodo di profonde mancanze personali e ne parlo quì così, nonostante non sia nelle mie abitudini utilizzare questo blog x info riguardanti la mia vita, xkè la situazione è oramai andata oltre ogni limite e credo di dovere delle spiegazioni a ki mi segue da tempo ! 
Infatti la mancanza di connex. Internet, durata fino a ieri e ke ancor oggi mi stà esasperando, mi ha obbligato ad allontanarmi da ogni contatto nella mia vita virtuale e mi ha portato anke a soffrire di tante altre mancanze, tipo quella di stabilità interiore, di serenità d'animo, di tranquillità di spirito, ecc... senza contare tutti i disagi ke ne son derivati mio malgrado ! 
Ho deciso quindi di approfittare di questa parentesi x parlare di quanto la vita virtuale, al giorno d'oggi, riesca ad influenzare la nostra vita reale, creando attorno a sè 1 alone di dipendenza tale, da esser tanto deleterio, quanto + inconsapevole questo sia ed è praticamente impossibile renderci conto dei suoi effetti negativi, fino al momento in cui questa non ci viene a mancare ! 
I computer, nati x facilitarci la vita sul lavoro, nello studio & nello svago, ci stanno togliendo + di ciò ke ci danno, xkè è sufficiente ke ci vengano a mancare x creare 1 voragine incolmabile, ke ci lascia attoniti & indifesi dinnanzi all'incapacità di superare questa mancanza ed ecco ke subentrano sconforto & insoddisfazione a renderci ancor + vuoti & spogli... questa vuol essere 1 preghiera a tutti noi, rendiamocene conto e cerkiamo di correre ai ripari, dobbiamo difenderci dallo strapotere informatico, dalla dittatura dell'elettronica, altrimenti questa skiavitù ci impoverirà interiormente e ci skiaccerà sempre +, fino a privarci & privare totalmente, soprattutto le nuove generazioni, di 1 vita reale da vivere, fatta di vere dimensioni, di sentimenti veri, di contatti veri, di amicizie vere, di amore, comprensione, ecc... tutto il resto è finto, così come le amicizie sui Social-Network, solo roba da computer, non da umani !!! 
1 dei miei scrittori preferiti è Charles Bukowski, ke nel 1972 diceva : 
"Qualsiasi cosa è 1 perdita, tranne creare qualcosa di buono o guarire o correr dietro a una specie di fantasma-amore-felicità. Tanto tutti finiamo nel mondezzaio della sconfitta: chiamala morte, chiamala errore" 
E Thomas Handy : 
"La felicità non dipende da quello che ci manca, ma dal buon uso che facciamo di quello che abbiamo" 
Ed infine Fernando Pessoa : 
"È umano volere ciò di cui abbiamo necessità, ed è umano desiderare ciò che non ci è necessario ma che è per noi desiderabile. Il male consiste nel desiderare con uguale intensità ciò che è indispensabile e ciò che è desiderabile, soffrendo per non essere perfetti come se si soffrisse per la mancanza del pane"